Il 24 giugno i nostri uffici saranno chiusi per la festa del patrono.

13 Ottobre 2022

Celebrando Antonio Canova

A 200 anni dalla sua morte, Scala vuole rendere omaggio al genio universale di Antonio Canova attraverso un breve percorso tra alcune delle sue opere più importanti.

A 200 anni dalla sua morte, Scala vuole rendere omaggio al genio universale di Antonio Canova attraverso un breve percorso tra alcune delle sue opere più importanti.

La formazione del  Canova ha inizio nel paese natale Possagno come apprendista dapprima  nella  bottega del nonno paterno Pasino, scalpellino e capomastro di prestigio e successivamente  presso lo scultore Giuseppe Bernardi detto Toretti.

Sfoglia la nostra gallery con una selezione relativa alla città natale Possagno, dentro la casa-museo e la Gypsotheca.

Casa di Canova, Possagno, Treviso, Veneto
Casa di Canova, Possagno, Treviso, Veneto
Gipsoteca Canoviana, Possagno, Treviso, Veneto
Gipsoteca Canoviana, Possagno, Treviso, Veneto

La Gypsotheca di Possagno raccoglie i modelli originali in gesso delle sculture di Antonio Canova.

Amore e Psiche, di Antonio Canova (1757-1822), bozzetto in terracotta.  Gipsoteca Canoviana, Possagno, Italia
Amore e Psiche, di Antonio Canova (1757-1822), bozzetto in terracotta.  Gipsoteca Canoviana, Possagno, Italia

Il percorso di Canova verso il successo

La stupefacente resa dei corpi di Dedalo e Icaro, complesso scultoreo presentato a Venezia alla Fiera della Sensa nel 1777, unisce il virtuosismo plastico con l’attenta osservazione naturalistica e psicologica dei personaggi rendendo quest’opera giovanile dell’artista un capolavoro del Neoclassicismo italiano.

Straordinaria la rappresentazione del volto preoccupato del padre che cerca di assicurarsi che le ali siano ben salde sulle braccia del figlio.

Canova, appena ventenne, realizza questo straordinario capolavoro ponendo le basi della  sua successiva carriera. Grazie al compenso pattuito con il ricco committente, Pietro Vettor Pisani, riesce a trasferirsi a Roma per completare la sua formazione, osservando dal vivo le opere della classicità.

Vari sono i temi affrontati dal Canova nelle sue opere, dai soggetti di carattere religioso ai monumenti funebri, come quello commissionatogli dal duca Alberto di Sassonia per onorare la memoria della moglie, Maria Cristina d’Austria, figlia dell’imperatrice Maria Teresa.

 Monumento funerario a Maria Cristina di Austria, di Antonio Canova (1757-1822), modello.
 Monumento funerario a Maria Cristina di Austria, di Antonio Canova (1757-1822), modello.

Di fronte a una piramide bianca, alta più di cinque metri, un gruppo di figure procede verso una porta, aperta e oscura, che dà sul niente, in un vuoto al di là della forma.

Sull’architrave dell’ingresso possiamo leggere: uxori optimae Albertus (‘Alberto alla sua ottima moglie’).

Molti anche i ritratti di nobili dell’epoca che, attraverso lo scalpello dell’artista, assumono le sembianze di personaggi mitologici.

Antonio Canova, Paolina Borghese come Venere vincitrice
Antonio Canova, Paolina Borghese come Venere vincitrice

Paolina Borghese, sorella di Napoleone è qui nella sua veste simbolica di Venere Vincitrice. Recuperando il giudizio di Paride, dove Afrodite vinse su Era e Atena, Canova immortala la moglie di Camillo Borghese, committente dell’opera, come assoluta dea di bellezza e potere.

Antonio Canova traduttore del Mito Classico

Una delle opere più affascinanti ed empatiche del Canova è sicuramente Amore e Psiche, commissionata all’artista dal colonnello John Campbell.

La ricerca di equilibrio è complessa per la posa divergente delle due figure: si uniscono armonicamente mediante l’incrocio delle diagonali formate da un’ala e della gamba di Amore, da un’ala e dal corpo stesso di Psiche.

Custodita nel Museo del Louvre Amore e Psiche oggi la possiamo ammirare a 360° grazie al modello 3D qui sotto grazie alla collaborazione tra Scala e RMN.

I dettagli scultorei delle opere di Antonio Canova

Il gruppo marmoreo denominato le Tre Grazie è un’altra tra le opere più famose del Canova.

Questo gruppo rappresenta le tre famose dee della mitologia greca e venne realizzato tra il 1812 e il 1817. Ne esistono due versioni, la prima è conservata al Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo, mentre una sua replica successiva si trova esposta al Victoria and Albert Museum di Londra.

Le tre grazie. Roma, Italia, 1814-17. Questa scultura commissionata da John Russel, 6° Duca di Bedford, era originariamente collocata a Woburn Abbey nel Tempio delle Grazie, appositamente progettato per essa all'interno della Galleria delle sculture. Victoria & Albert Museum, Londra
Le tre grazie. Roma, Italia, 1814-17. Questa scultura commissionata da John Russel, 6° Duca di Bedford, era originariamente collocata a Woburn Abbey nel Tempio delle Grazie, appositamente progettato per essa all’interno della Galleria delle sculture. Victoria & Albert Museum, Londra

Per poter ammirare da vicino questo meraviglioso capolavoro potete sfogliare questa gallery di immagini con dettagli unici dell’opera scultorea delle Tre Grazie esposta al Victoria and Albert Museum di Londra. Dettagli in grado di essere riprodotti anche in dimensioni molto grandi, grazie alla qualità delle immagini SCALA.

Antonio Canova e la pittura

Magistrale ed esperto anche in quest’arte, le opere pittoriche di Antonio Canova sono offuscate dalla grandiosità delle sue sculture e purtroppo meno note e talvolta meno apprezzate. Ecco alcuni esempi:

Antonio Canova, Calliope ed Omero. tempera su carta, Gipsoteca Canoviana, Possagno, Italia
Antonio Canova, Calliope ed Omero. tempera su carta, Gipsoteca Canoviana, Possagno, Italia
Antonio Canova, Le giocatrici di Astragali. Tempera su carta. Gipsoteca Canoviana, Possagno, Italia
Antonio Canova, Le giocatrici di Astragali. Tempera su carta. Gipsoteca Canoviana, Possagno, Italia
Antonio Canova, Le giocatrici di Astragali. Particolare. Tempera su carta. Gipsoteca Canoviana, Possagno, Italia
Antonio Canova, Le giocatrici di Astragali. Particolare. Tempera su carta. Gipsoteca Canoviana, Possagno, Italia

Sfoglia la nostra gallery per scoprire una selezione più ampia delle opere pittoriche di Antonio Canova

Se sei interessato ad altre immagini relative a opere di Antonio Canova che non trovi nel nostro archivio online, contattaci. SCALA può attingere direttamente a tutte le collezioni dei musei e partner di cui è agente ufficiale per offrirti una ricerca più approfondita e personalizzata.

Condividi